Come utilizzano il mobile i turisti?

Sempre di più i turisti si affidano allo smartphone per trovare la metà del loro prossimo viaggio, condividere le vacanze e lasciare feedback e commenti. Non basta più essere presenti su internet. Se vogliono farsi notare e interagire con i viaggiatori, hotel e strutture ricettive devono rendere i loro siti e la loro presenza sul web mobile-friendly attraverso siti responsive, app e nuove funzionalità.

La rivoluzione mobile è qui!

Negli Stati Uniti è stata condotta una ricerca su 750 individui:

“The Mobile Revolution is here: are you ready?”. I soggetti erano di età e genere diversi, ma tutti dotati di smartphone. L’obiettivo era indagare sulle loro abitudini nell’uso del cellulare in viaggio e in vacanza. I dati emersi, rispecchiano una situazione comune non solo in America, ma anche in Europa e qui da noi in Italia.

Prima della vacanza

I turisti cercano su internet informazioni sulle destinazioni, comparano prezzi e leggono commenti e recensioni. Lo fanno su pc ma anche su smartphone, quando si spostano sui mezzi pubblici e nei ritagli di tempo. Per le prenotazioni è ancora preferito il desktop, ma chi, invece, sceglie il cellulare opta per il sito responsive piuttosto che per l’app.

Durante la vacanza

Gli smartphone sono utilizzatissimi dai turisti. Aiutano a trasformare le ferie in una vera e propria esperienza, diventando lo strumento di comunicazione e condivisione del viaggio e non solo. Attraverso Facebook e Instagram si pubblicano foto e impressioni, si effettuano tag sui luoghi visitati e si lasciano commenti. Ma i cellulari danno anche la possibilità di reperire velocemente informazioni su punti d’interesse e itinerari, ristoranti e locali.

  • La curiosità in più: Nella ricerca è stato chiesto agli intervistati quali siano le funzionalità che si aspettano di trovare su un’app mobile di un albergo. È emerso che gli ospiti vorrebbero poter prenotare spa, massaggi e ristoranti, ordinare in camera e scegliere le escursioni.

Finita la vacanza

È il momento migliore per fidelizzare i tuoi clienti. Al ritorno dal viaggio, i turisti si attaccano sui social per condividere foto ed esperienze. Qui interagire con loro diventa semplice perché i ricordi e le emozioni provate sono ancora vive. I social diventano, così, uno strumento efficace di comunicazione, ma anche una newsletter brillante o un blog ben scritto possono fare centro.

Ricordati, però, di non essere troppo invasivo. I turisti non amano lasciare i loro dati personali, né tantomeno essere bombardati di messaggi. Nella richiesta dei contatti cerca di chiedere solo i dati strettamente necessari, saranno più propensi a lasciarteli.