I 5 errori più comuni del marketing turistico

Per un albergatore, o per un proprietario di una struttura ricettiva, non sono tempi facili. Stare dietro all’oscuro e agitato mondo del web non è affar semplice soprattutto se il tuo mestiere è tutt’altro. Così provi a buttarti un po’ qui e un po’ là, ti lanci in qualche promozione come hai sentito dire e vedi come va. Aspetti qualche mese e non ottieni risultati. Com’è possibile? Eppure hai fatto proprio come ti avevano detto. Sei veramente sicuro? Spesso i non addetti ai lavori, si lanciano a capofitto nel mondo del digital marketing senza avere le conoscenze adeguate e finendo così per trascurare degli aspetti fondamentali. Vediamo quali.

Marketing turistico: 5 errori comuni che non ti accorgi di fare

Nella promozione online del tuo hotel o agriturismo, ti sei rimboccato le maniche, hai speso denaro e sudore a stare dietro a cose che non capivi e ora, che devi raccogliere i risultati, ti ritrovi con un paio di mosche in mano. Questi potrebbero essere i motivi.

1.Un nuovo sito già vecchio

Prima di partire in quinta con una strategia di marketing devi mettere le basi. Le migliori fondamenta che puoi costruire? Un buon sito internet per presentare al meglio la tua attività, con una struttura snella, veloce da caricare, i contenuti chiari e pertinenti, le immagini di alta qualità e un efficace booking engine per le prenotazioni online. Il tuo sito ha tutte queste caratteristiche?

2. Sottovalutare l’importanza del mobile

È uno dei principali trend del 2015, e non può più essere ignorato. Sempre più persone usano tablet e smartphone per navigare su internet e fare acquisti, quindi devi adeguarti anche tu! Il tuo sito è ottimizzato per mobile? I testi e i contenuti sono chiari anche se visti dallo schermo di un cellulare? È possibile prenotare facilmente anche da telefonino? Meglio porsi queste domande prima di passare oltre. 

3. Le immagini vanno bene anche se homemade

Sai quelle foto ritoccate, con la luce giallognola, magari anche non perfettamente dritte, tanto si capisce lo stesso? Quelle foto per intenderci non vanno bene! Bisogna puntare su immagini di qualità, in grado di suscitare emozioni e di catturare l’attenzione di chi le vede. Oggi, la comunicazione è in gran parte visuale, gli utenti ricordano molto meglio un’immagine rispetto ad un testo, ecco perché devi scegliere con cura le fotografie che usi per il tuo sito.

4. Non dare importanza alle recensioni

Le recensioni online sono il sale del webmarketing! I turisti si basano su queste per raccogliere informazioni, scegliere la meta delle future vacanze e fare prenotazioni. Ecco perché devi monitorare costantemente quello che scrivono su di te nelle varie piattaforme social e sui siti di settore come Booking e Trip Advisor.

5. Avere fretta

Pensare “imposto la strategia, faccio partire le campagne e voilà, il gioco è fatto!”. Il web marketing non è una scienza precisa ed è fatto di azioni attentamente studiate e corrette nel tempo. I migliori risultati sono quelli che si ottengono con la costanza. Pensa ad esempio ad un blog di successo o ad una pagina Facebook ben organizzata e piena di utenti attivi. Entrambe sono cose che non arrivano dall’oggi al domani, ma dopo mesi di lavoro!

Se ti serve una mano per non fare errori nella tua strategia di web marketing turistico, Tourism Promotion può aiutarti!